Infertilità - Infertilità maschile e femminile - Tecniche di fecondazione assistita - Aborto spontaneo - Genetica - Le vostre proposte - Interviste -
Come valutare la qualità degli spermatozoi
di Alessandro G. Littara, medico chirurgo andrologo
Lo spermiogramma permette di studiare la consistenza dello sperma attraverso il conteggio degli spermatozoi e di osservarne la mobilità, la durata, la morfologia. I risultati dello spermiogramma possono evidenziare: (a) azoospermia: assenza completa di spermatozoi nell'eiaculatoM (b) oligospermia: numero di spermatozoi inferiore a 30 milioni/mlM (c) astenospermia: insufficiente mobilità degli spermatozoi; (d) teratospermia: il numero degli spermatozoi anormali è troppo elevato.

La spermiocoltura. Serve alla ricerca di batteri nello sperma, e si effettua quando si sospetta che un'infezione dello sperma possa essere la causa dell'infertilità maschile o possa nuocere alla riuscita di una FIV o di una ICSI. L'esame consiste nel prelievo dello sperma e nella messa in coltura per la ricerca dei batteri. Se l'analisi rileva la presenza di un germe, il medico instaurerà una terapia adeguata non solo per l'uomo, ma spesso anche per la sua compagna, che potrebbe essere portatrice di un germe identico.

Test di maturità spermatica (Sperm-Hyaluronan Binding Assay). Questo test si basa sulla capacità degli spermatozoi maturi di legarsi all'acido ialuronico, al contrario degli spermatozoi immaturi che non sono in grado di farlo. Questo test serve a valutare la percentuale di spermatozoi maturi e fisiologicamente nella norma nel campione considerato. La presenza dell'80% di spermatozoi legati indica la normalità del campione; al di sotto dell'80% di spermatozoi legati, indica la diminuita maturità.

Test delle frammentazioni del DNA spermatico. La normale struttura della cromatina degli spermatozoi è una caratteristica indispensabile per una corretta trasmissione delle informazioni genetiche paterne e per il buon funzionamento dello spermatozoo. L'aumento di frammentazione del DNA degli spermatozoi è un'importante causa di infertilità maschile in quanto fa diminuire le percentuali di fertilizzazione sia in vivo, sia in vitro.

Condividi            
La coppia: ansia da prestazione
Talvolta una coppia, nella ricerca di un figlio, può trovarsi in una condiz... (apri)
Alessandro G. Littara, medico chirurgo andrologo
Le terapie per l'infertilità maschile
E' importante individuare la causa precisa dell'infertilità per poter trova... (apri)
Alessandro G. Littara, medico chirurgo andrologo
I trattamenti per l'infertilità maschile
Il varicocele è tra le cause di diminuita fertilità maschile ed è la conseg... (apri)
Alessandro G. Littara, medico chirurgo andrologo
Come scoprire l'infertilità maschile
La fertilità maschile dipende da un'adeguata produzione di spermatozoi da p... (apri)
Alessandro G. Littara, medico chirurgo andrologo
Che cos'è l'infertilità maschile
Condizione che riguarda dal 10 al 20% delle coppie in età fertile, in Itali... (apri)
Alessandro G. Littara, medico chirurgo andrologo
visualizzazioni: 7348 | pubblicato martedì 24 febbraio 2009
alessandro littara test maturità spermatica HBA spermiogramam spermiocoltura cause infertilità maschile test frammentazione DNA